Collaborazione con la FederGolf Liguria

Nel 2014 comincerò un’altra bella sfida, i giovani più interessanti,brevettati, della Federazione Golf Liguria.

In questa nuova sfida sarò aiutato da Andrea Borgonovo, validissimo e bravo giovane Fisioterapista al quarto anno di Osteopatia.

Proseguiremo il lavoro avviato al Circolo Golf e Tennis Rapallo, il quale ha già evidenziato problemi disfunzionali legati all’attività giovanile nel Golf.

Golf

Che dire…la terapia d’inversione è fantastica per questo sport…

Baldovino Dassù la conosceva ne aveva perso le tracce e dopo tre sedute con il Metodo Maniero si è riavvicinato all’inversione gravitazionale e l’ha rifatta sua… più due tre manovrine…

Nicolò Ravano prosegue nel challenge senza mal di schiena che lo aveva accompagnato per tutto lo scorso anno…

Due Proette Martina Migliori e Chiara Brizzolari, si sono riappropriate del loro fisico senza dolori e speriamo ci diano a breve quei risultati fantastici che si meritano…

E’ stato avviato un lavoro interessantissimo, presso un circolo di golf del quale ad oggi non posso ancora dire nulla, sui giovani le loro attitudini sportive nel golf, le loro disfunzioni posturali/propriocettive/fisiche, la tecnica. Un lavoro che porterà a monitorare per i prossimi anni circa una cinquantina di giovani e ci darà risultati sorprendenti.

Il golf e la terapia d’inversione

Da circa un mese seguo un ragazzo italiano professionista di questo sport, il golf.

Il primo giorno che l’ho incontrato è stato bellissimo, ho portato la panca antigravitazionale direttamente al campo pratica, dove lui stava allenandosi, si proprio li sul posto , avevo bisogno di capire , verificare direttamente senza perdere tempo, il resto lo conosco so che tipo di risultati aspettarmi dall’applicazione del mio metodo.

Non conoscevo quale reazione diretta  avrebbe avuto su di un Pro, con fisico allenato e naturalmente con mal di schiena che da anni lo accompagna. Dopo qualche esercizio d’allungamento ed un cestino di palline, abbiamo cominciato la terapia d’inversione, la sessione è durata circa 15 minuti, dove ho cercato di spiegare al meglio effetti e reazioni , dell’organismo,in inversione gravitazionale.

Alla fine ho chiesto di provare immediatamente le sensazioni con un’altro cestino di palline. Sommariamente potrei dire questo: la schiena è parsa più leggera e senza dolori, anche durante lo swing, si è evidenziato e focalizzato un problema disfunzionale all’ileo-psoas, che ho trattato con terapia manuale osteopatica direttamente in inversione ed a seguire anche lo sblocco del piriforme.

Ha proseguito nel suo allenamento quotidiano.

L’ho rivisto il giorno dopo, le sensazioni positive sono rimaste ed il problema disfunzionale risolto , abbiamo eseguito un’altra sessione in inversione, la schiena è rimasta leggera e senza dolori. Gli ho dato degli esercizi mirati per la gestione delle varie disfunzioni e chiesto , visto che da li a poco avrebbe cominciato a giocare in vari tornei in giro per l’europa, che se avesse trovato qualche panca antigravitazionale d’appendersi tutti i giorni…purtroppo l’ho sentito e di panche nemmeno l’ombra.

Spero d’incrociarlo a breve tra un torneo e l’altro, per verificare direttamente le sue condizioni.

 

Dr. Alessandro Maniero

Doctor of Science in Chiropractic

Specializzato in Terapia Manuale Osteopatica

MCB

L’inversione gravitazionale ed il Golf

A breve scriverò in merito al rapporto tra l’inversione gravitazionale ed il golf. Questo sport è sempre più soggetto a problematiche legate alla schiena. Pensate solo che durante lo swing la schiena è sottoposta a doppia torsione muscolo-scheletrica.
Lo swing, nel golf è un gesto atletico che richiede molta coordinazione, mobilità ed elasticità muscolare, equilibrio e forza esplosiva.