il mal di schiena e la gravità terrestre – parte 5

Il nuoto non và sempre bene, anche questa attività a livello agonistico potrebbe arrecare problemi alla colonna vertebrale e di conseguenza il mal di schiena.
Alcuni stili sono indicati per chi soffre di mal di schiena altri decisamente da evitare. Cha accusa un forte mal di schiena e non vuole, giustamente, immobilizzarsi a letto avrà il primo approccio con l’acqua senza eseguire i vari stili, avrà la possibilità di immergersi in stazione eretta assistita(tubi , galleggianti etc.) eseguendo micro movimenti di braccia e gambe.
Volendo ipotizzare un problema a livello lombare inizierei l’approccio, con il nuoto, eseguendo alcune vasche esclusivamente a dorso e per cominciare un dorso assistito, con tavoletta di supporto a livello toracico anteriore. La bracciata la inserirei in un secondo momento,potrebbe portare un carico maggiore nel tratto lombare…Lo stesso stile libero andrebbe bene per un problema dorso lombare, meno per il comparto cervicale. Da evitare,per problemi cronici di cifosi dorsale e per il dolore lombare acuto, lo stile a rana.
Decisamente importante l’elemento acqua come antigravitazionale , da controllare tutte quelle attività che ne permettono l’utilizzo agonistico, rapportate al mal di schiena.
Purtroppo non tutti possono usufruire dell’acqua quando si hanno manifestazioni patologiche al rachide e quindi negli ultimi decenni si sono avvicendate varie metodiche di trazione ed auto-trazione vertebrale, solo una a mio avviso si è dimostrata attinente al rapporto peso corporeo/ gravità , la panca antigravitazionale.
Cominciamo conoscere questo attrezzo che permette, a quelle persone che lo possono usare, di contrastare la gravità. Vorrei ricordare che la gravità subita quotidianamente è di due forze ben distinte, una quella verticale l’altra è quella circolare. La prima ci schiaccia e l’altra ci ruota, di conseguenza il nostro corpo subirà uno schiacciamento ed una torsione del rachide, portando l’organismo ad assumere delle posture compensatorie antalgiche per non sentire dolore.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento